associazione professionale cattolica
di dirigenti, docenti e formatori
della scuola e della F.P.

catholic professional association
of teachers, school managers
and school and vocational trainers


     
Il Satiro danzante - il viso
Fig. 1
Il volto del Satiro: labbra appena dischiuse, mento rotondo, orecchie a punta.
Gli occhi sono costituiti da tarsie di marmo in cui sono visibili gli alloggiamenti per le pupille che dovevano essere in pietra dura o in pasta di vetro.

Il Satiro danzante torna a Mazara del Vallo

La straordinaria statua bronzea del Satiro danzante è di nuovo a Mazara dopo il complesso intervento curato dall'Istituto Centrale per il Restauro.
La statua, di straordinaria bellezza, era stata ripescata nel Marzo 1998 nelle acque del Canale di Sicilia dal motopesca mazarese "Capitan Ciccio", che, un anno prima, aveva ripescato anche la gamba sinistra della statua.

Le orecchie aguzze e il foro nella parte posteriore del dorso, destinato alla coda, ci permettono di asserire che si tratta della rappresentazione di un seguace del Dio Dioniso nel momento più esaltante di una danza vorticosa, come si evince dallo stupendo effetto della fitta chioma che ondeggia per il turbinoso movimento della figura (fig. 3).

Del Satiro esistevano soltanto parecchie riproduzioni di epoche diverse provenienti dal mondo antico, segno della celebrità di cui godeva tale opera. Oggi il mare, audace predatore e parco dispensatore di ricchezze inestimabili, ancora a migliaia gelosamente custodite nei meravigliosi anfratti del suo sabbioso letto, ci ha restituito un'opera di ineguagliabile bellezza. Essa è datata da alcuni studiosi alla produzione classicista di epoca romana, da altri, più verosimilmente, inquadrata nel pieno ellenismo tra il III e il II sec. a.c.

L'esposizione a S. Egidio

Il Satiro è visibile al pubblico nella chiesa di S. Egidio.
La statua, in tutto il suo splendore, offre ai visitatori un'intensa emozione, sia per la sua imponenza - essa, infatti, misura oltre due metri di altezza - sia per la percezione del movimento che quest'opera straordinaria trasmette agli spettatori.
L'intervento di restauro è stato di tipo conservativo e un trattamento finale con benzotriazolo proteggerà la statua dalle corrosioni del tempo.

Una particolare citazione merita il supporto antisismico su cui è posta la statua. Il supporto è costituito da una struttura scatolare rigida montata su un sistema di isolatori ad elevato smorzamento per sostenere elevate accelerazioni sismiche orizzontali. L'accorgimento si è reso necessario poiché Mazara si trova in una zona sismica di categoria 2.

Il Satiro danzante nella sua interezza
Fig. 2
La figura poggiava sulla gamba destra, mancante; la sinistra è flessa all'indietro. Le braccia, che sono andate perdute, accompagnavano il movimento della danza messo in risalto anche dalla torsione del busto.
La chioma del Satiro
Fig. 3
I capelli sono lunghi, rivolti all'indietro e, nella loro mirabile fattura, evidenziano l'ondeggiamento per il turbinio della danza.