associazione professionale cattolica
di dirigenti, docenti e formatori
della scuola e della F.P.

catholic professional association
of teachers, school managers
and school and vocational trainers

GLOSSARIO E-LEARNING

 

 

e-learning

Per Elliot Maise, uno dei maggiori esperti al mondo in materia, e-learning significa utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l’apprendimento
(cfr. “Che cos’è l’e-learning” di Valerio Eletti – Ed. Carocci – pag. 65).
Il termine sta per Electronic Learning ma, più in generale, indica il legame crescente tra offerta formativa e new economy e suggerisce quindi l'idea che conoscenza e formazione costituiscano uno dei business della rete. Il termine è quindi equiparabile, nell'assunto anche se non nel significato, ad e-commerce. Dal punto di vista del significato il termine equivale a Online Learning, anche se presuppone un concetto più ampio e un'articolazione più complessa dell'offerta formativa.

FAD

Formazione A Distanza (3 generazioni di FAD: la prima per corrispondenza; la seconda attraverso l’uso di vari media; la terza attraverso internet)

Cooperative learning

Tutte le teorie contemporanee, pur essendo differenti tra di loro, si basano sulla nozione di costruzione cooperativa della conoscenza. Nella formazione a distanza la collaborazione ha la funzione non solo di rendere più efficace l’apprendimento ma anche di supplire alla mancanza della relazione in presenza. Soltanto condividendo obiettivi e lavoro si oltrepassa la dimensione individuale riuscndo a percepirsi, seppur a distanza, come membro di una comunità di apprendimento. (Eletti – pagg. 44-45).

Collaborative learning

Apprendimento collaborativo. Sottolinea l’importanza dell’interazione con gli altri per il processo di conoscenza e di apprendimento.

Peer learning

“apprendimento tra pari” – La centralità dello studente, rivalutata dal costruttivismo, comporta strategie didattiche di peer learning, in cui docenti e studenti definiscono insieme gli obiettivi educativi e le strategie di apprendimento da attuare (Eletti – pag 50)

Tutor

Il tutor è l’esperto dei contenuti al quale lo studente può rivolgersi per qualsiasi chiarimento o dubbio. In ambienti integrati di e-learning, il tutor ha anche il compito di sollecitare l’interesse degli studenti attraverso e-mail dirette o le aule virtuali e i forum, favorendo la discussione e lo scambio di idee fra i partecipanti (Eletti – pag 72)

Mentor

Il mentor è la persona esperta di strategie didattiche che segue l’evoluzione dei bisogni formativi dell’utente, consigliando il metodo di studio  individuando di volta in volta i percorsi formativi più adatti (Eletti – pag 72)

Mentoring

L’espletamento delle attività del mentor

Scaffolding

L’espletamento delle attività di sostegno (da “scaffold” = impalcatura)

Feedback

Scambio di osservazioni e impressioni reciproche all’interno di un gruppo (Eletti – pag 50)

Online

in linea, collegato

Off-line

Non collegato, non in linea

Storyboard

Sceneggiatura multimediale

Storyboarder

Sceneggiatore multimediale. Nuova figura professionale, specifica della multimedia agency. Le attività principali svolte dallo storyboarder sono la stesura del testo da visualizzare sulla singola schermata, la sceneggiatura dell’eventuale testo audio da registrare, l’individuazione dei collegamenti tra i materiali accessori (grafici, documenti d’approfondimento ecc.) e il contenuto del corso, il supporto all’esperto nella progettazione e stesura delle interazioni che l’utente dovrà compiere durante la fruizione del corso. (Eletti – pag 120)

Information society

Società dell’informazione. La nostra società si sta trasformando sempre più  da  Information society in Knowledge society. Una società in cui la conoscenza è moneta sonante non più solo negli ambiti scolastici e universitari, ma soprattutto dopo la scuola, nel mondo del lavoro e in quello delle istituzioni pubbliche. (Eletti pag. 9)

Knowledge society

Società della conoscenza.  La nostra società si sta trasformando sempre più  da  Information society in Knowledge society. Una società in cui la conoscenza è moneta sonante non più solo negli ambiti scolastici e universitari, ma soprattutto dopo la scuola, nel mondo del lavoro e in quello delle istituzioni pubbliche. (Eletti pag. 9)

Best practices

Esempi di successo – soluzioni di successo – buone prassi

Learning by doing

Apprendere attraverso l’esperienza (= imparare facendo). I principi fondanti del learning by doing sono presenti nei prodotti più evoluti di e-learning

Tutorial

Applicazioni software realizzati con l’obiettivo di far apprendere l’utilizzo di uno strumento. Esistono tutorial “light” e “heavy”

e-e-learning

Ovvero extended e-learning. L’obiettivo di questo nuovo metodo (che nasce tra il 1998 e il 2000 presso il corso di laurea in scienze della comunicazione di Roma La Sapienza) risiede nel facilitare l’apprendimento attraverso il coinvolgimento diretto del discente nella soluzione di problemi (Eletti - pagg. 75-76)

Learning object

Blocco di contenuto autoconsistente che risponde, cioè, ad un preciso obiettivo formativo. Ogni blocco, all’occorrenza, può essere sfilato da un corso e assemblato con altri blocchi per formare un nuovo corso.

Behaviourism

Comportamentismo

Just in time

Al momento giusto, nel modo giusto, senza vincoli di tipo logistico.

Educational

Ambito educational (scuola e università)

Computer Based Training (CBT)

Attività di formazione che avviene con l’esclusivo uso del computer (attraverso CD ROM o tutorials)

Learning Management System (LMS)

Piattaforme per l’apprendimento. Software progettati per offrire a chi intende erogare o gestire attività di formazione in rete tutto il necessario per operare. Ecco alcune delle varie attività che si possono svolgere in rete:
- gestione di messaggistica (sia sincrona che asincrona)
- gestione di dati e informazioni (knowledge base e knowledge management)
- Erogazione di materiali didattici
- Gestione di specifiche attività collaborative
- Attuazione di simulazioni
- Management della classe virtuale
- Verifica dei risultati
- Gestione delle statistiche e monitoraggio del sistema


 

 

torna indietro